Divano, poltrona e letto: la schiena riposa così
15 Maggio 2019
La poltrona elettrica cambia la vita: scopriamo come migliora riposo e postura
16 Luglio 2019

Sulla postura dei loro bambini i genitori tendono a preoccuparsi troppo, perché non sono le eventuali posture viziate tenute a scuola a rappresentare un rischio per la loro salute.

Le patologie alla schiena non dipendono da queste posture, la loro colonna vertebrale è sufficientemente flessibile.

Quando frequentano le scuole elementari e medie i nostri bambini e ragazzi non passano moltissime ore sui libri a casa. A differenza invece di chi trascorre tantissime ore su una sedia dietro a una scrivania, come un lavoratore in ufficio o uno studente universitario: sono questi che dovrebbero preoccuparsi di più della loro postura. È una questione di elasticità muscolo-scheletrica: nei bambini c’è sufficiente elasticità e non sarà certo una posizione scorretta a curvare la loro schiena.

C’è comunque una postura corretta da tenere in classe o a casa mentre si fanno i compiti?

La postura corretta prevede schiena poggiata allo schienale ergonomico e ben dritta, gomiti poggiati a 90° sul banco e piedi per terra.

Sbaglia chi si stende, chi incrocia le gambe, chi poggia il mento sulla mano?

L’importante è non curvare la schiena sul banco; come i bambini tengono le gambe sotto il tavolino fa poca differenza.

Qualche suggerimento ai genitori? Cosa dovrebbero far fare ai loro bambini per accompagnarne crescita e sviluppo?

Sicuramente un’ora di sport al giorno. Gli sport vanno tutti bene, l’importante è che l’attività fisica non sia finalizzata esclusivamente all’allenamento ma al movimento: i bambini devono muoversi ogni giorno, che sia all’aria aperta o in strutture sportive. Solo così il loro sviluppo sarà armonioso: il movimento garantirà uno sviluppo corretto degli apparati muscolo-scheletrico, respiratorio e cardiocircolatorio.

Quando invece i genitori devono davvero preoccuparsi?

Quando notano delle anomalie, degli atteggiamenti posturali “patologici”, allora devono intervenire fino a rivolgersi a un medico specialista. Per esempio, se il bambino ha le spalle indentro sarebbe meglio che correggesse la propria postura. Ancora, se un bambino cammina piegato in avanti o ha un fianco più alto dell’altro o una spalla più in su dell’altra, allora i genitori dovrebbero farlo visitare da uno specialista che saprà indicare il trattamento migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *